Frasi di Ambrose Bierce

Le più belle frasi di Ambrose Bierce


Medico. Persona alla quale guaiamo fiduciosi quando siamo malati e ringhiamo sospettosi quando stiamo bene.
Ambrose Bierce

Mortalità. La faccia dell'immortalità che noi conosciamo.
Ambrose Bierce

Avaro. Smodatamente desideroso di conservare ciò che altre brave persone vorrebbero tanto ottenere.
Ambrose Bierce

Bastone. Oggetto adatto ad ammonire il calunniatore benevolo e l'avventato rivale.
Ambrose Bierce

Battesimo. Rito sacro di tale efficacia che chi si ritrova in Paradiso senza esservi stato sottoposto sarà infelice per sempre.
Ambrose Bierce

Biografia. Tributo letterario che un mediocre paga a un grand'uomo.
Ambrose Bierce

Bruttezza. Dono che gli dei fanno a certe donne, e che rende possibile la virtù senza l'esercizio dell'umiltà.
Ambrose Bierce

Centauro. Appartenente a una razza che preesisteva all'odierna suddivisione del lavoro. Seguace dell'antica massima economica «Ogni uomo sia cavallo di se stesso». Fra loro il migliore fu Chirone che alla saggezza e alle virtù del cavallo univa la velocità dell'uomo.
Ambrose Bierce

Commercio. Transazione finanziaria in cui A ruba a B i beni di C e per compenso B sottrae a D il denaro appartenente a E.
Ambrose Bierce

Conforto. Stato d'animo provocato dalla contemplazione delle difficoltà del nostro vicino.
Ambrose Bierce


Ambrose Bierce
Ambrose Bierce

Ambrose Gwinnett Bierce è stato uno scrittore, giornalista e aforista statunitense, tra i più noti della San Francisco a cavallo tra il 1850 e i primi anni del XX secolo. I dodici volumi dell'opera completa di Bierce, di cui il settimo volume era interamente costituito dal Dizionario del diavolo, vennero pubblicati fra il 1909 e il 1912.
Continua su Wikipedia