Frasi di Ambrose Bierce

Le più belle frasi di Ambrose Bierce


Pace. Nel diritto internazionale, si definisce così un periodo di inganni reciproci compreso fra due fasi di combattimento aperto.
Ambrose Bierce

Pace
Diserzione. Avversione per il combattimento che si dimostra abbandonando l'esercito e la moglie.
Ambrose Bierce

Pentimento. Un sentimento che di rado turba la gente, almeno finché le cose non cominciano ad andare male.
Ambrose Bierce

Telescopio. Strumento che sta all'occhio come il telefono sta all'orecchio, e che permette a oggetti remoti di infastidirci con una quantità eccessiva di dettagli inutili e irrilevanti.
Ambrose Bierce

Abuso. Si parla di abuso di potere quando l'autorità viene esercitata in modo a noi sgradito.
Ambrose Bierce

Clarinetto. Strumento di tortura praticato da chi ha preventivamente imbottito le proprie orecchie di cotone. Ci sono solo due strumenti più esiziali di un clarinetto: due clarinetti.
Ambrose Bierce

Destino. Misteriosa entità che dovrebbe controllare tutte le sorti umane e che viene invocata soprattutto da chi sbaglia per scusare il proprio insuccesso e dai tiranni per giustificare i propri crimini.
Ambrose Bierce

Fonografo. Esasperante giocattolo che ridà la vita a rumori morti.
Ambrose Bierce

Omeopata. L'umorista della professione medica.
Ambrose Bierce

Zanzara. Il germe dell'insonnia, da distinguersi comunque dalla coscienza, che è il bacillo della stessa malattia.
Ambrose Bierce


Ambrose Bierce
Ambrose Bierce

Ambrose Gwinnett Bierce è stato uno scrittore, giornalista e aforista statunitense, tra i più noti della San Francisco a cavallo tra il 1850 e i primi anni del XX secolo. I dodici volumi dell'opera completa di Bierce, di cui il settimo volume era interamente costituito dal Dizionario del diavolo, vennero pubblicati fra il 1909 e il 1912.
Continua su Wikipedia