Frasi di Carlo Emilio Gadda

Le più belle frasi di Carlo Emilio Gadda


Le parole sacre, vedute le labbra dell'autore, ne rifuggono. Le cose sacre, veduto il cuore dell'autore, vi si fermano.
Carlo Emilio Gadda

Il fumare lo aiutava molto davanti alle donne, a cui il fumo piace, anche perché lo ritengono, e magari con ragione, un gradevole presagio dell'arrosto.
Carlo Emilio Gadda

[...] le moribonde parole dello Incas. Secondo cui la morte arriva per nulla, circonfusa di silenzio, come una tacita, ultima combinazione del pensiero.
Carlo Emilio Gadda

La Conversazione in Sicilia di Vittorini esprime nei segni di poesia amore e pietà di questi suoi fratelli diseredati.
Carlo Emilio Gadda

Crede, e spera, nella Madonna, il fabbricante di madonne?
Carlo Emilio Gadda

[L'umanità] Questo mare senza requie, fuori, sciabordava contro l'approdo di demenza, si abbatteva alle dementi riviere offrendo la sua perenne schiuma, ribevendosi la sua turpe risacca.
Carlo Emilio Gadda

L'italiani sono di simulato sospiro.
Carlo Emilio Gadda

Se un'idea è più moderna di un'altra è segno che non sono immortali né l'una né l'altra.
Carlo Emilio Gadda

Noi viviamo di passato. Siamo degli stracchi rentiers che vivacchiano nell'accumulo lento del passato.
Carlo Emilio Gadda

Morire per la patria è cosa dolce e onorevole: infatti alcuni sono morti per la patria immortale: ed altri, a guardarla dalle tignole, è bisognato vivessero. Questa favoletta ne dice: il morto giace, il vivo si dà pace.
Carlo Emilio Gadda


Carlo Emilio Gadda
Carlo Emilio Gadda

Carlo Emilio Gadda è stato uno scrittore, poeta e ingegnere italiano, che ha segnato la narrativa del Novecento attraverso un impasto originalissimo di linguaggi diversi e un incessante stravolgimento delle strutture tradizionali del romanzo.
Continua su Wikipedia