Frasi di Fabrizio De André

Le più belle frasi di Fabrizio De André


Se i cosiddetti “migliori” di noi avessero il coraggio di sottovalutarsi almeno un po’ vivremmo in un mondo infinitamente migliore.
Fabrizio De André

Questo nostro mondo è diviso in vincitori e vinti, dove i primi sono tre e i secondi tre miliardi. Come si può essere ottimisti?
Fabrizio De André

Ottimismo, Mondo
Non chiedete a uno scrittore di canzoni che cosa ha pensato, che cosa ha sentito prima dell’opera: è proprio per non voleverlo dire che si è messo a scrivere. La risposta è nell’opera.
Fabrizio De André

Genova è una città a vocazione democratica e liberale. È tollerante perché da sempre fa affari con tutti senza badare alla lingua, ai costumi, all'abbigliamento o al colore della pelle.
Fabrizio De André

Genova
Per me Genova è come la madre, è dove ho imparato a vivere.
Fabrizio De André

Genova
Cantavo imitando Modugno e d'altronde come si poteva non subire la sua influenza?
Fabrizio De André

La fedeltà in fondo che cos'è? Non è altro che un grosso prurito con il divieto assoluto di grattarsi.
Fabrizio De André

Fedeltà
Dopo che ci si prende a schiaffi per dieci anni o si diventa amici o ci si ammazza.
Fabrizio De André

Genova è bella, ti accorgi che è bella quando sei lontano.
Fabrizio De André

Genova
Gesù di Nazareth […] secondo me è stato ed è rimasto il più grande rivoluzionario di tutti i tempi.
Fabrizio De André

Gesù

Fabrizio De André
Fabrizio De André

Fabrizio Cristiano De André è stato un cantautore italiano. Considerato da parte della critica uno dei più grandi cantautori italiani di tutti i tempi, viene spesso soprannominato anche con l'appellativo Faber. Molti testi delle sue canzoni raccontano storie di emarginati, ribelli e prostitute, e sono considerate da alcuni critici come vere e proprie poesie, tanto da essere inserite in varie antologie scolastiche di letteratura.
Continua su Wikipedia