Frasi di Friedrich Nietzsche

Le più belle frasi di Friedrich Nietzsche


Laddove spira più tagliente il vento, e alto si leva il mare e non lievi sono i pericoli da superare, mi sento a mio agio.
Friedrich Nietzsche

Bisogna avere un caos dentro di sè, per generare una stella danzante.
Friedrich Nietzsche

Caos
Non ho mai sentito dire che le flatulenze determinino situazioni filosofiche.
Friedrich Nietzsche

Vivi ogni giorno della tua vita come se fosse il primo, come se fosse l'ultimo.
Friedrich Nietzsche

Tutto considerato, caro amico, d'ora in poi non ha più senso parlare e scrivere su di me, ho passato agli atti per la prossima eternità la questione «chi io sia» con l'opera che sto pubblicando, Ecce Homo. D'ora in poi non bisognerà più curarsi di me, bensì delle cose per cui io esisto.
Friedrich Nietzsche

Nella solitudine il solitario divora se stesso. Nella moltitudine lo divorano i molti. Ora scegli
Friedrich Nietzsche

Solitudine
Mi ha scosso, non che tu mi abbia mentito, ma che io non ti creda più.
Friedrich Nietzsche

Il merito di una grande vittoria è che toglie al vincitore la paura di una sconfitta. «Perché non perdere anche la prossima volta?» — egli si dice — adesso sono abbastanza ricco per ciò.
Friedrich Nietzsche

Mio caro signor dottore, queste poesie di Giordano Bruno sono un regalo di cui le sono grato con tutto il cuore. Mi sono permesso di appropriarmele come se le avessi scritte io e per me – e le ho prese come gocce corroboranti. Se lei sapesse quanto raramente mi viene ancora qualcosa di corroborante dall'esterno.
Friedrich Nietzsche

Non si è dato mai il caso di una donna che abbia preso un raffreddore con un vestito scollato di un grande sarto.
Friedrich Nietzsche


Friedrich Nietzsche
Friedrich Nietzsche

Friedrich Wilhelm Nietzsche è stato un filosofo, poeta, compositore e filologo tedesco. Considerato tra i massimi filosofi e prosatori di ogni tempo, Nietzsche ebbe un'influenza controversa, ma indiscutibile, sul pensiero filosofico, letterario, politico e scientifico del XX secolo.
Continua su Wikipedia