Frasi di George Orwell

Le più belle frasi di George Orwell


Sono le donne che rendono impossibile ogni progresso.
George Orwell

La vendetta è un atto che si desidera compiere quando si è impotenti e perché si è impotenti: non appena il senso di impotenza viene meno, svanisce anche il desiderio di vendetta.
George Orwell

Di solito a questo mondo, se si riscuote un po' di stima, è per qualche cosa che non si merita affatto.
George Orwell

La povertà è una forma di halitosi spirituale.
George Orwell

Il segno distintivo dell'uomo è la mano, lo strumento col quale fa tutto ciò che è male.
George Orwell

Un fatto è disapprovare le idee politiche di uno scrittore; altra cosa, non necessariamente incompatibile con la prima, è disapprovare "lui" perché ti costringe a pensare.
George Orwell

Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuol sentirsi dire.
George Orwell

Forse, la peggiore crudeltà che si possa infliggere a un bimbo è di mandarlo a scuola fra ragazzini più ricchi di lui. Un fanciullo consapevole della propria povertà patirà sofferenze snobistiche tali che una persona adulta non potrebbe nemmeno immaginare.
George Orwell

La pubblicità è il rumore di un bastone in un secchio di rifiuti.
George Orwell

Per quanto delicatamente sia mascherata, la carità è sempre orribile; c'è un disagio, quasi un odio segreto, tra colui che dà e colui che riceve.
George Orwell


George Orwell
George Orwell

George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair, è stato un giornalista, saggista, scrittore e attivista britannico.
Continua su Wikipedia