Frasi di Publio Ovidio Nasone

Le più belle frasi di Publio Ovidio Nasone


Finché sarai felice, conterai molti amici, ma se i tempi si fanno più grigi, sarai solo.
Publio Ovidio Nasone

Grande era un tempo la riverenza per una testa canuta.
Publio Ovidio Nasone

Bene visse chi seppe vivere nell'oscurità.
Publio Ovidio Nasone

V'è un piacere nel piangere.
Publio Ovidio Nasone

Noi pure fiorimmo un giorno, ma quel fiore presto appassì, e la nostra fu fiamma di stoppa, fuoco passeggero.
Publio Ovidio Nasone

Ripara in principio; troppo tardi si appresta la medicina quando i lunghi indugi hanno dato vigore al male.
Publio Ovidio Nasone

Il fine giustifica i mezzi.
Publio Ovidio Nasone

Ti odierò, se potrò; altrimenti ti amerò mio malgrado.
Publio Ovidio Nasone

Tendiamo sempre a ciò che è vietato e bramiamo ciò che ci viene negato.
Publio Ovidio Nasone

Non vede né le fronde nei boschi né l'acqua in un fiume in piena.
Publio Ovidio Nasone


Publio Ovidio Nasone
Publio Ovidio Nasone

Publio Ovidio Nasone, più semplicemente Ovidio, è stato un poeta romano tra i maggiori elegiaci tra i principali esponenti della letteratura latina e della poesia elegiaca. Fu autore di molte opere, il cui corpus è tradizionalmente suddiviso in tre sezioni.
Continua su Wikipedia