Frasi di Simone de Beauvoir

Le più belle frasi di Simone de Beauvoir


Non ho mai nutrito l'illusione di trasformare la condizione femminile, essa dipende dall'avvenire del lavoro nel mondo e non cambierà seriamente che a prezzo di uno sconvolgimento della produzione. Per questo ho evitato di chiudermi nel cosiddetto «femminismo».
Simone de Beauvoir

[…] un giorno un'adolescente, un'altra me stessa, avrebbe bagnato con le sue lacrime un romanzo in cui io avrei raccontata la mia propria storia.
Simone de Beauvoir

Se vivi abbastanza a lungo, vedrai che ogni vittoria si muta in una sconfitta.
Simone de Beauvoir

Vittoria, Sconfitta
Nessuna donna dovrebbe essere autorizzata a rimanere a casa per allevare i suoi figli. La società dovrebbe essere totalmente differente. Le donne non dovrebbero avere quella scelta, precisamente perché se ci fosse una tale scelta troppe donne la farebbero. È un modo di forzare le donne in una certa direzione.
Simone de Beauvoir

La vecchiaia non può essere compresa se non nella sua totalità; non è soltanto un fatto biologico, ma un fatto culturale.
Simone de Beauvoir

Desidero che ogni vita umana sia pura e trasparente libertà.
Simone de Beauvoir

Ma vi sono risposte che non avrei la forza di ascoltare e perciò evito di porre le domande.
Simone de Beauvoir

Il vuoto del cielo disarma la collera.
Simone de Beauvoir

V'è una passione profondamente radicata nella sessualità, e che è esasperata dall'età: la gelosia.
Simone de Beauvoir

Gelosia, Sessualità
Pure ci tenevo troppo alla libertà per rinunciare a cercarla liberamente.
Simone de Beauvoir


Simone de Beauvoir
Simone de Beauvoir

Simone Lucie Ernestine Marie Bertrand de Beauvoir, conosciuta come Simone de Beauvoir, è stata una scrittrice, saggista, filosofa, insegnante e femminista francese. Fu un'esponente dell'esistenzialismo e compagna di Jean-Paul Sartre. Atea come Sartre, per lei l'ateismo non è disimpegno dalla morale, ma la fondazione di una nuova etica irreligiosa non meno impegnativa e innovativa della coscienza e del costume.
Continua su Wikipedia