Frasi di Silvio Pellico

Le più belle frasi di Silvio Pellico


Non disonorare il sacro nome d'amico, dandolo ad uomo di niuna o poca virtù.
Silvio Pellico

La verità è Dio. Amar Dio ed amare la verità sono la stessa cosa.
Silvio Pellico

La disgrazia di non piangere è una delle più crudeli ne' sommi dolori.
Silvio Pellico

Ad amare l'umanità, è d'uopo saper mirare, senza scandalezzarsi, le sue debolezze, i suoi vizi.
Silvio Pellico

Non v'è dubbio che ogni condizione umana ha i suoi doveri. Quelli d'un infermo sono la pazienza, il coraggio e tutti gli sforzi per non essere inamabile a coloro che gli sono vicini.
Silvio Pellico

Una diffidenza moderata può esser savia: una diffidenza oltrespinta, non mai.
Silvio Pellico

Non volerti sforzare ad avere amici. È meglio non averne alcuno che doversi pentire d'averli scelti con precipitazione. Ma quando uno n'hai trovato, onoralo di elevata amicizia.
Silvio Pellico

L'uomo si reputa migliore, aborrendo gli altri.
Silvio Pellico

Chi opera per sincera coscienza può errare, ma è puro innanzi a Dio.
Silvio Pellico

Per credere, è d'uopo voler credere, è d'uopo amare fortemente il vero.
Silvio Pellico


Silvio Pellico
Silvio Pellico

Silvio Pellico è stato uno scrittore, poeta e patriota italiano, noto soprattutto come autore di Le mie prigioni. Dopo il ritorno alla libertà il Pellico pubblicò altre tragedie: Gismonda da Mendrisio, Leoniero, Erodiade, Tommaso Moro e Corradino. Pubblicò anche il libro morale I doveri degli uomini e Poesie di genere romantico.
Continua su Wikipedia