Frasi di Silvio Pellico

Le più belle frasi di Silvio Pellico


La disgrazia di non piangere è una delle più crudeli ne' sommi dolori.
Silvio Pellico

Non v'è dubbio che ogni condizione umana ha i suoi doveri. Quelli d'un infermo sono la pazienza, il coraggio e tutti gli sforzi per non essere inamabile a coloro che gli sono vicini.
Silvio Pellico

Tutto ciò che impari, t'applica ad impararlo con quanta più profondità è possibile. Gli studi superficiali producono troppo spesso uomini mediocri e presuntuosi.
Silvio Pellico

Il vivere libero è assai più bello del vivere in carcere; chi ne dubita?
Silvio Pellico

La verità è Dio. Amar Dio ed amare la verità sono la stessa cosa.
Silvio Pellico

Una diffidenza moderata può esser savia: una diffidenza oltrespinta, non mai.
Silvio Pellico

Simile ad un amante maltrattato dalla sua bella, e dignitosamente risoluto di tenerle il broncio, lascio la politica ov'ella sta, e parlo d'altro.
Silvio Pellico

Ad amare l'umanità, è d'uopo saper mirare, senza scandalezzarsi, le sue debolezze, i suoi vizi.
Silvio Pellico

Un'anima umana, nell'età dell'innocenza, è sempre rispettabile.
Silvio Pellico

Chi opera per sincera coscienza può errare, ma è puro innanzi a Dio.
Silvio Pellico


Silvio Pellico
Silvio Pellico

Silvio Pellico è stato uno scrittore, poeta e patriota italiano, noto soprattutto come autore di Le mie prigioni. Dopo il ritorno alla libertà il Pellico pubblicò altre tragedie: Gismonda da Mendrisio, Leoniero, Erodiade, Tommaso Moro e Corradino. Pubblicò anche il libro morale I doveri degli uomini e Poesie di genere romantico.
Continua su Wikipedia